Warning: session_start() [function.session-start]: Cannot send session cookie - headers already sent by (output started at /includes/framework.php:91) in /libraries/joomla/session/session.php on line 423

Warning: session_start() [function.session-start]: Cannot send session cache limiter - headers already sent (output started at /includes/framework.php:91) in /libraries/joomla/session/session.php on line 423

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /includes/framework.php:91) in /libraries/joomla/session/session.php on line 426
Tappo a chi? al Salone del Gusto 2010
Tappo a chi? al Salone del Gusto 2010

21 ottobre 2010

Ci sono anche Rilegno e il progetto Tappo a chi? al Salone Internazionale del Gusto che ha inaugurato proprio oggi a Torino e proseguirà sino al 25 ottobre.

Rilegno è tra i partner ambientali del Salone, che per questa edizione si concentra con sempre più fermezza nel rispetto dei valori ambientali e della biodiversità ed esprime la volontà di essere un evento a basso impatto ambientale.


Il Salone del Gusto punta in alto: l’obiettivo è quello di raggiungere il 70% di differenziazione dei rifiuti attraverso la raccolta integrale di tutte le frazioni che verranno poi trasferite agli impianti di riciclaggio.


Per quanto riguarda il legno, il materiale sarà inviato in Pianura Padana, mentre il sughero sarà trasferito nel cuneese per diventare pannello per l’isolamento, da usare in bioedilizia.

Sì perché anche il sughero è tra i protagonisti di questa importante manifestazione: in Fiera sono infatti presenti spazi dedicati alla promozione della raccolta differenziata dei tappi di sughero con il progetto Tappo a chi?, presente con un proprio allestimento nello spazio dedicato all’Enoteca del Salone del Gusto.


Del resto, quale migliore occasione per sensibilizzare all’utilizzo del sughero per la tappatura dei vini, e per promuoverne la raccolta e il recupero una volta consumato il vino?

Inoltre presto proprio a Torino sarà attivato il progetto Tappo a chi?, che coinvolgerà i ristoratori del centro storico cittadino e i consumatori: i primi, con una raccolta dedicata concordata con Amiat, i secondi con la disponibilità di punti di raccolta presso le stazioni ecologiche.

Non mancheranno altre informazioni tornate presto a trovarci!